[Verdebinario] netiquette e latinismi ( ERA: "quaderni di archeologia informatica")

amintore fanfani emiliano a verdebinario.org
Mar 26 Lug 2011 12:16:52 CDT


Il giorno 26/lug/11, alle ore 18:43, pierluigi grottola ha scritto:

> quando devo replicare punto per punto lo faccio, come vedi

e cosi' si fa

> quando devo dire solo una cazzatella evito a chi legge di dovere  
> andare fino in fondo al lenzuolo della citazione

e infatti non devi srotolare tutto il lenzuolo, ma quotare solo
cio' che e' strettamente necessario alla tua risposta

> 'quotare', dall'inglese 'to quote'

[...] from L. quotus "which, what number (in sequence)" [...]
http://www.etymonline.com/index.php?term=quote

[...] from Medieval Latin quotāre  to assign reference numbers to  
passages [...]
http://dictionary.reference.com/browse/quote

> la contaminazione interlinguistica  buona quando avviene in senso  
> paritario e orizzantale (per rispondere a emiliano)
> quante parole usiamo quotidianamente attinte dal congolese? e dal  
> bengali? e dal filippino?
> se abbiamo un'inflazione di termini inglesi e nulla o quasi di  
> quelli delle altre culture vuol dire che c' una cultura che impera

diversi linguisti affermano che l'inglese e' diffuso non solo
e non tanto per motivi "coloniali" e/o di "imperialismo culturale",
ma perche' si tratta di una lingua meticcia, aperta alle contaminazioni:
sono diventate inglesi molte parole indiane (pyjama), latine (to  
quote) ecc ecc

qui ci sono alcuni riferimenti (vedi soprattutto gli articoli citati  
nelle note)

http://en.wikipedia.org/wiki/ 
English_language#English_as_a_global_language





Maggiori informazioni sulla lista Verdebinario